Menu Chiudi

Mediazione

sono in corso i colloqui di selezione
MEDIAZIONE FAMILIARE E COMUNITARIA
L’incremento delle separazioni e dei divorzi, la violenza e la sofferenza che ne conseguono, le tensioni intergenerazionali nelle famiglie, la marginalità sociale dei soggetti svantaggiati, il conflitto sociale che coinvolge i luoghi di lavoro e minaccia lo sviluppo di una società interetnica e multiculturale, i catastrofici conflitti fra le nazioni; tutti questi fenomeni segnalano la necessità di fornire alle comunità operatori fortemente professionalizzati idonei a fornire competenze di valutazione ed interventi di negoziazione dei conflitti sociali secondo il modello sistemico-relazionale, certamente il più idoneo a comprendere e modulare la fenomenologia dei conflitti nelle famiglie, nelle comunità nelle organizzazioni produttive, nelle istituzioni.La mediazione familiare stimola le risorse relazionali bloccate dai conflitti ed sostiene le organizzazioni familiari innovative che dai conflitti possono nascere.La crisi affettiva si trasforma da catastrofico fallimento ad occasione di crescita ed evoluzione personale. I partners possono valorizzare le proprie funzioni genitoriali ed i figli trovare un luogo di ascolto e accoglimento delle proprie istanze emotive.Il conflitto diviene processo evolutivo dinamico che pone in crisi la struttura delle relazioni sociali.

La mediazione è la migliore risposta operativa che modula questa trasformazione senza dissolvere i legami interpersonali ed il contratto sociale.

Le funzioni della mediazione sistemica non si esauriscono nel campo della conflittualità familiare.Le competenze del mediatore si applicano ai diversi contesti sociali nei quali emergono conflitti: la scuola, le istituzioni assistenziali, le organizzazioni produttive, le comunità nelle quali la diversità di razza, religione, cultura e costumi scatenano l’ intolleranza e la violenza.

CORSO BIENNALE DI MEDIAZIONE FAMILIARE E COMUNITARIA SISTEMICA (C.M.F.)

Corso di formazione alla mediazione familiare e comunitaria sistemica.
Riconosciuto dall’ AIMS e dal FORUM EUROPEO.
Rivolto a medici, psicologi, assistenti sociali, riabilitatori e animatori, insegnanti, avvocati

Durata del Corso: 320 ore in 24 mesi

Annualità: gennaio-dicembre;

Evento validato con i crediti ECM per le professioni medico-chirurgo, psicologo, educatore
professionale, tecnico della riabilitazione psichiatrica e psicosociale

Retta: Euro 2066 + IVA

Programma

I Anno

1. *Il modello sistemico-relazionale
2. *Teorie della comunicazione
3. *Psicologia relazionale della famiglia e della coppia
4. La dinamica relazionale nelle istituzioni
5. Il ciclo di vita dei sistemi umani
6. Modelli di cambiamento:Morfostasi e morfogenesi
7. * La osservazione relazionale
8.*Fenomenologia della crisi e del conflitto
9. Coppia e famiglia nel processo di separazione e divorzio
10. Elementi di diritto di famiglia
11. Psicologia delle famiglie ricomposte e ricostituite

II Anno

1. I modelli della mediazione familiare sistemica
2. Mediazione di divorzio
3.* Analisi della domanda e formulazione del contratto
4. *Il processo della mediazione
5. *Tecniche della mediazione sistemica
6. Modelli di cooperazione con avvocati e magistrati
7. *Mediazione, consulenza, psicoterapia
8. Fenomenologia del conflitto nelle istituzioni
9.
La mediazione scolastica
10.
Il conflitto interculturale e interetnico
11.
Identità, etica, deontologia del mediatore

*crediti per il corso di counselling

Docenti
Dott.ssa Donatella Bottiglieri, Dott.ssa Ester Livia Di Caprio; Dott. Berniero Ragone.

Tutori
G. Di Meglio, M Sgambato

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

La organizzazione didattica del Corso contempla tre serie di moduli di apprendimento.
La prima serie di moduli è finalizzata all’apprendimento delle nozioni di base del modello sistemico-relazionale, della ecologia delle relazioni interpersonali, del ciclo di vita della famiglia, della dinamica dei conflitti familiari.
Al processo di separazione e divorzio, al contesto psicosociale e legale di tale processo è dedicata la seconda serie di moduli.
La terza comprende le tecniche, gli obiettivi e la verifica degli interventi di mediazione sistemica, mentre la quarta serie di moduli è costituita dalle tematiche del conflitto e della mediazione nelle organizzazioni, nelle istituzioni, nel mercato del lavoro.

L’apprendimento teorico è organizzato in forma seminariale e distinto in fasi di eteroapprendimento (lezioni teoriche con supporto di letteratura commentata e di esemplificazioni video) e di auto-apprendimento (lavoro di gruppo secondo il modello del PBL, Problem Based Learning).

L’apprendimento esperienziale è centrato su tecniche di role-playing e sulla analisi delle esperienze di conflitto e di negoziato che coinvolgono gli allievi.

L’apprendimento clinico utilizza videoregistrazioni e supervisioni dirette ed indirette di processi di mediazione.

La conoscenza teorica delle dinamiche di conflitto e la acquisizione di tecniche specifiche di mediazione vengono così implementate dalle esperienze cliniche di supervisione dei casi svolte sia durante il Corso che dopo il suo termine.

loading